Come combattere il coronavirus utilizzando l’informatica

Premessa non sono un biologo o un virologo, ne un ingegnere sismologo. Sono un programmatore e come tale lavoro con i computer per farci cose serie (niente gattini su internet), che poi le cose serie siano videogiochi è un altro punto di vista.

Cambiando argomento siamo stati tutti coinvolti dal coronavirus o covid19 e l’unica cosa che possiamo fare è stare a casa. Quindi no allo smart working o al telelavoro ma si al lavoro in remoto (che è la definizione giusta), il resto è fuffa come il termine nativi digitali.

Per combattere un virus batteriologico è necessario studiarlo e capire non solo come si comporta ma anche come si evolve o altrimenti fare un vaccino diventa difficile e la malattia non si debella mai (come con il raffreddore).

In tutto il mondo si sta studiando come fare il vaccino o come attaccare il virus con altri rimedi nel frattempo ma noi possiamo aiutare la ricerca!

Non richiede nessuna donazione di sangue, mascherina (inutile tra l’altro) o esborso di soldi. Cioè soldi si perchè doneremo la potenza di calcolo del computer che stiamo utilizzando o che non stiamo utilizzando.

Cloud computing

Ci sono molti studi che si appoggiano non soltanto a server per fare calcoli ma a una rete distribuita di vari computer che fanno pezzetti di calcoli più complessi, ad esempio per calcolare le mutazioni del DNA e altro facendo delle previsioni sfruttando conoscenze scientifiche.

Questi progetti come nel caso del celebre Folding@Home permettono di dedicare una percentuale del processore del proprio computer mentre lo si usa e quando il computer è inattivo lo 80% ad esempio.

Questi calcoli vengono mandati e i risultati ricevuti nelle varie università che sfruttano questi dati per fare studi e proporre cure o altro.

GitHub ad esempio sta donando molti suoi server per aiutare nella ricerca per questo virus.

Folding@Home

Questo progetto coinvolge centri di ricerca in tutto il mondo e da ieri permette di poter aiutare nella ricerca di questo virus come di molti altri.

Basta installare il programma da questa pagina oppure dalla guida in base al tuo sistema operativo.

Una volta averlo installato e avviato nella schermata Disease basta selezionare “any disease”.

Per maggiori su come funziona ecc trovate tutto sul sito ufficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come combattere il coronavirus utilizzando l’informatica

time to read: 1 min
0