Italian Hacker Camp 2018 – Io C’ero

- Io c'ero, Mozilla, Open Source, Participation

Un hacking camp con gli amici, cosa si vuole di più da fare in estate?

Beh anche fare un po’ di presentazioni e qualche ora di macchina naturalmente!

Ho cominciato ad organizzare l’evento per Mozilla Italia da marzo e questo ci ha permesso di essere in 5 + 2 per lo stand Mozilla. Con il + intendo i due gruppi, quelli organizzati e spesati da Mozilla ed altri aggiuntisi dopo.

In ogni caso un numero grande comparato all’ESC, che eravamo solo 2.

Come siamo arrivati abbiamo conquistato dei tavoli e piazzato il nostro quartier generale, allestito l’area e anche il resto del camp.

Si, con allestito intendo nostri poster e volantini per tutto il campo che promuovessero quello che abbiamo fatto e la missione di Mozilla.

Abbiamo promosso Internet Health Report e Common Voice insieme ai vari argomenti delle presentazioni che abbiamo fatto: Addons, Rust, DevTools e About:config.

Riscontri

@hackersembassy e il caldo

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

Incontrato gente e parlato direi che è stata la cosa principale. Abbiamo avuto modo di parlare da sviluppatori a appassionati che con l’occasione di Common Voice hanno contribuito.

Abbiamo avuto diverse persone che passavano il tempo a fare passeggiate col telefono e registrare la propria voce in Italiano nel tentativo di riscuotere dei gadget specifici a seconda del volume.

Infatti dopo il primo giorno abbiamo dovuto raddoppiare il numero di registrazioni perché avevamo già distribuito 5 magliette che si sbloccavano con 100 registrazioni.

Alla fine del camp abbiamo distribuito 16 magliette in totale (quindi 5 a 100 registrazioni e 11 per 200), tra nuove e d’archivio, 4 zaini che si sbloccavano con 200 (poi 400), 14 poster per 50 (poi 100 registrazioni), una camicia da 300 registrazioni e molto altro.

Abbiamo raccolto anche interessanti feedback per Common Voice: le frasi devono essere corte per le persone dislessiche perché altrimenti è difficile partecipare, c’è chi ha registrato solo del vuoto o rumore per fare numero (con la revisione verificheremo il volume e se è ignorabile), diversi sulla usabilità del sito e naturalmente il sistema profilo che non funziona benissimo. Mi è stato già confermato che alcune di queste cose sono pianificate o in corso.

Vi lascio delle statistiche su quanto fatto, considerate che l’italiano è arrivato ufficialmente il 5 Luglio e non abbiamo potuto fare grande promozione a livello nazionale.

Stato al 17 luglio
Stato al 7 agosto

A parte questi numeri importanti per Common Voice per l’Italiano, io personalmente ho finito la voce venerdì sera dopo 4 talk durante la giornata più uno di supporto (il giorno prima ne avevo già fatto uno).

Possiamo dire quindi che la nostra presenza si è fatta notare nel camp, forse causa palio, forse causa tanti gadget, forse causa tante presentazioni, forse perché eravamo tanti e coprivamo diversi argomenti.

Naturalmente tutto questo senza il supporto del gruppo e del camp stesso sarebbe stato molto difficile. La libertà di azione che ci hanno dato ci ha permesso di ottenere questi risultati e di sperimentare come migliorare la comunicazione.

Cosa abbiamo imparato

Durante il palio di gadget abbiamo deciso di mettere a disposizione una pesca di adesivi d’archivio o vari per chi scaricava Firefox for Android o Firefox Focus.

In questo modo abbiamo potuto mettere a disposizione di tutti senza registrazioni audio gli adesivi con il solo logo di Firefox.

Dare la possibilità a neovizi nel nostro gruppo (intendo le persone che non hanno mai partecipato), ragazzi che non avevano mai partecipato ad un evento informatico, specialmente poi di questo tipo, ha aperto gli occhi su tante cose.

Sempre a questi novizi la libertà di potersi dare da fare in modo autonomo non soltanto alle attività online ma anche quelle dal vivo, questo poi si riflette quando si riprenderà con la vita online.

Il confronto e anche la possibilità di scoprire altri argomenti al di fuori della comunità apre sempre gli occhi ma posso immaginare l’effetto ad occhi nuovi.

Io ho costretto 3 del gruppo a seguire dei talk su Git e come usarlo per poter contribuire meglio a Mozilla e spero che qualche risultato lo porti.

Il primo è come da foto, Giovanni che ha fatto i suoi primi commit ed anche una pull request a Common Voice per la lingua italiana revisionando le frasi.

Realizzare delle attività da fare da altri durante il camp permette di rendere tutto più piacevole e simpatico, specialmente poi se ci sono dei gadget specifici in palio.
Tutto questo richiede tempo per preparare e supporto umano durante l’evento ma è fattibile.

Il fattore di assegnare dei ruoli ad ogni persona riguardo le conoscenze e quali team rappresenta ci ha permesso di distribuire il carico durante i giorni.

Una organizzazione con largo anticipo, come abbiamo fatto, è faticosa ma porta dei risultati ma bisogna essere sempre pronti ad adattarsi.

Avere poi un grande magazzino di gadget fa la sua differenza in questi eventi, il caso ha voluto che questa volta ne avessimo veramente tanti ma questa cosa è incerta per il futuro.

Cosa dobbiamo migliorare

Organizzare meglio l’attrezzatura, ad esempio il monitor non ci serve. Con il sole e all’aperto è solo qualcosa di delicato che poi non si usa (e non si vede).

Materiale elettronico alla fine non c’è stato modo di usarlo come le lan party perché alla fine eravamo stanchi e presi da altro.

Dobbiamo fare dei volantini per eventuali premi più chiari ed esplicativi, in ogni caso funzionano!

Dobbiamo essere un gruppo ancora più aperto e non fare dei gruppi tra di noi, questo esclude la partecipazione degli altri.

Cosa mi è piaciuto

Parlare di tecnologie web a questo evento pensavo fosse difficile, visto il pubblico, ma questo camp si è dimostrato più aperto a queste cose (rispetto allo SHA ad esempio).
Il programma dopotutto consisteva di 4 track di cui una laboratorio non registrata.

Gli argomenti erano da hacking, attivismo, sicurezza, giornalismo, diritti, sviluppo e curiosità tecnologiche. Tutto questo poi creava discussioni durante i giorni permettendo di conoscere altra gente e di scoprire nuovi punti di vista.

La contaminazione di questo evento è il fattore principale. Molto diverso dal Fosdem o dal Merge-IT che invece sono conferenze e c’è poca possibilità che avvenga. Qui invece era inevitabile!

Come dicevo le persone hanno contribuito a Common Voice, anzi molte. Uno dei commenti usuali era “se posso dare una mano” o “se posso contribuire facilmente lo faccio”.

#cyberbullismo #cybersecurity con @zanshin_tech #mozihc

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

Zanshin tech poi mi ha colpito, lo conoscevo già ma l’approccio è molto interessante. Da studente ho subito bullismo a scuola e quindi queste tematiche mi stanno a cuore e il loro modo di fare contaminato tra nerd, arti marziali, cybersecurity e tattiche di gestione sono molto interessanti.

Il vivere comune in un appartamento è stata utile per risparmiare ed organizzarci, infatti abbiamo fatto delle riunioni post giornata la sera prima di andare a dormire. Qualcosa di nuovo che non avevamo mai fatto ma ci ha permesso di aggiornarci ed adattarci oltre che fare valutazioni.

Il fatto che i talk siano stati registrati e che a breve saranno disponibili, così posso recuperare tutti quelli che mi sono perso.

Conclusioni

650 partecipanti su 850 registrati (principalmente italiani), numeri pazzeschi per un evento organizzato da una comunità e prettamente italiano. Con 4 track e molti talk da seguire.

Noi c’eravamo e ci siamo dati da fare, i risultati li vediamo e li vedremo nel futuro sicuramente.

Stiamo già preparandoci ad altri eventi ma nel frattempo miglioreremo l’organizzazione interna per poter essere ancora più d’effetto. Non dimenticatevi di entrare su Telegram, @mozitahub vi aspetta.

Foto: https://www.flickr.com/photos/135182404@N03/sets/72157699508080404/
Report di Saverio: https://www.saveriomorelli.com/blog/a/mozilla-italia-al-ihc-08-2018/

Telegiornale TG3: https://www.rainews.it/tgr/veneto/video/2018/08/ven-Padova-parco-La-Fenice-iniziativa-dedicata-alla-rete-hacker-tutta-Italia-conferenze-sulla-cybersecurity-investigativa-rete.-ea4c20e7-8408-4ce7-be6c-8141676f833f.html

Video Report: https://www.facebook.com/ireportertv7/videos/1806989222669849/

Liked it? Take a second to support Mte90 on Patreon!

Become a Patreon
All the stuff released in this website, where the author is Daniele Scasciafratte, is under the GPL 2.0 license except when the resources have their licenses.

Lascia un commento