Perchè usare SASS/LESS

This article has been written before more than 1 years, information might old.

Questo articolo è nato dal sondaggio:

Proponi un’articolo su Mte90.Net

Il CSS, inventato nel 1996, serviva per dare un tocco più completo alle pagine e dividere lo stile dal contenuto ma per una storia completa c’è Wikipedia è inutile essere ripetitivi.

Questo CSS però può diventare un mostro con quattro gambe che ti azzanna al collo visto la complessità dei siti odierni insieme alla questione responsive.

Oramai framework come Bootstrap o altri hanno migliaia di righe di codice e richiedono una grande manutenzione, finchè ad un certo punto gli sviluppatori annoiati con lo stile di CSS non hanno inventato strumenti come SASS e LESS.

Quali sono i problemi di CSS?

Ripetitivo

Il primo problema del CSS è la sua ripetitività, ovvero per ottenere certi risultati bisogna ripetere il codice in più selettori e questo è problematico in caso di modifiche perchè bisognerà cercare tutti i riferimenti.
Per questo gli inspector dei tool di sviluppo dei browser sono utili o perchè permettono di identificare direttamente il selettore e la regola.

Import

Gli import permettono di fare un unico file CSS che carica altri file CSS.

Gli import in CSS però sono il male più assoluto per questioni di performance e non conviene usarli (se li usi un programmatore nel mondo sbatte per sbaglio il mignolino del piede sullo spigolo del comodino).

Variabili

In CSS (almeno fino alla 3 versione) non si possono usare delle variabili e questo con l’aggiunta del codice ripetitivo può diventare un problema se lo schema colore è fisso per fare un esempio.

Selettori ripetitivi

La ripetizione dei selettori è necessaria per fare selettori più precisi però può portare ad errori a lungo termine per la loro moltiplicazione nel codice.

SASS e LESS invece risolvono tutti questi problemi!

Sono dei meta linguaggi con sintassi simile a CSS che permettono di usare le variabili, di includere più file, di poter innestare un selettore dentro l’altro e molto altro.

Come fanno però a funzionare col browser questi meta linguaggi?

Semplice, elaborano il codice e lo convertono/compilano in classico CSS!

La domanda è quindi conviene usarli?

Eccome!

Oramai i siti più complessi li utilizzano e consiglio di fare questo passaggio per ottimizzare i vostri tempi di lavoro e poter usufruire delle loro ottimizzazioni.

Tra i due quindi è meglio SASS o LESS?

LESS è limitato dal fatto che non è espandibile come moduli mentre SASS con Compass diventa una vera arma per lo sviluppatore. Inoltre ci sono moltissime librerie per molte cose come Hover.css utilizzata in questo sito.

Per imparare c’è la guida SASS di Andrea che è ideale per iniziare e approfondire questo nuovo strumento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CSS

Perchè usare SASS/LESS

time to read: 2 min
0